Migrazione sito: una panoramica per iniziare

La migrazione del sito web è una delle maggiori sfide online che un’azienda possa affrontare. Dover trasferire decine, centinaia o addirittura migliaia di pagine, oltre a capire come configurarle utilizzando un nuovo CMS può essere un processo lungo e difficile, motivo per cui molte aziende ritardano il progetto il più a lungo possibile. Anche se può essere spiacevole, è comunque assolutamente essenziale.

Man mano che la tecnologia cambia e nuove piattaforme di siti web diventano disponibili, è inevitabile dover aggiornare e mettersi al passo con i tempi se non vuoi restare indietro rispetto alla concorrenza e fare in modo che il tuo sito diventi una reliquia che i tuoi clienti evitano.

Se mappi il tuo progetto di migrazione del sito web in passaggi attuabili, non deve essere nemmeno così arduo.

Ma prima di entrare nelle specifiche della migrazione del sito Web, dobbiamo capire che cos’è la migrazione del sito Web in primo luogo.

Cos’è una migrazione del sito?

La migrazione del sito web è il processo di apportare modifiche significative al tuo sito web che possono avere un impatto sulla visibilità del sito sui motori di ricerca e sull’esperienza dell’utente.

Modifiche come il trasferimento a un nuovo provider di hosting, la modifica del nome di dominio o della piattaforma utilizzata, la modifica del design o dell’esperienza utente, il rinnovamento della struttura o persino lo spostamento del contenuto possono essere tutte considerate migrazioni del sito Web, poiché influiscono sull’essenza stessa di ciò il sito è tutto.

L’effetto più devastante della migrazione di un sito è la potenziale perdita di posizionamento e traffico: sebbene Google non documenti le migrazioni come aventi un impatto, molte aziende hanno segnalato di aver perso il loro traffico e, a loro volta, le loro entrate, dopo la migrazione del loro sito. Non deve essere sempre così.

Esempi di migrazione di siti Web

Anche se le aziende evitano le migrazioni di siti per paura di perdere i flussi di entrate tramite traffico organico, esistono molti esempi che dimostrano che sono possibili migrazioni di successo e relativamente indolori. In effetti, molte delle storie dell’orrore che senti sulle migrazioni derivano da errori che potrebbero essere evitati abbastanza facilmente.

Ad esempio, molti proprietari di siti sono scioccati quando scoprono che le loro posizioni nelle classifiche sono crollate perché si sono dimenticati di aggiungere reindirizzamenti 301 dai loro vecchi URL alla lista di controllo della migrazione del loro dominio.

E saresti sorpreso di quante migrazioni di siti web avvengano senza conseguenze significative: se ti prendi il tempo per mettere insieme un elenco di controllo completo per la migrazione del sito web, puoi farla franca con un calo iniziale minimo del traffico e persino iniziare a guadagnare traffico in un tempo relativamente breve periodo di tempo a causa di una migliore UX, prestazioni e struttura generale del sito.

 

Migrazione sito WordPress

Come accennato in precedenza, ci sono molti tipi di modifiche al sito che sono considerate migrazioni del sito e tutte possono avere ramificazioni nelle classifiche. La maggior parte di essi può essere ridotta a questi sei:

  • Cambiamenti di progettazione
  • Cambiamenti di contenuto
  • Cambiamenti di posizione del sito
  • Cambiamenti di struttura
  • Cambiamenti di piattaforma
  • Cambiamenti di dominio / hosting

In termini di SEO, la differenza più grande è se stai cambiando il tuo dominio o meno. Cambiare il tuo dominio ti farà perdere la maggior parte, se non tutta, la link equity e l’autorità generale che hai creato durante la vita di quel dominio. Anche con i reindirizzamenti in atto, inizieresti comunque da zero creando un profilo di backlink completamente nuovo per il tuo nuovo dominio, perdendo la spinta SEO dai backlink di qualità e autorevoli che hai acquisito.

Disastri comuni della migrazione dei siti

Uno dei motivi principali per cui le migrazioni dei siti Web sono temute dai proprietari di aziende è che ci sono così tanti modi in cui qualcosa può andare storto, soprattutto quando non si ha esperienza con il processo. Esploriamo alcune delle principali cause di disastri durante la migrazione di un sito web in modo da poterle evitare.

Il colpevole più comune degli scarsi risultati durante la migrazione è la mancanza di preparazione.

Se non disponi di un piano di migrazione del sito web, sarà quasi impossibile rilevare tutte le cose che potrebbero andare storte e, una volta commesso un errore, non ci sarà modo di ripristinare le classifiche perse. U

n altro errore comune è non avere una comprensione realistica delle risorse necessarie per l’esecuzione: devi essere preparato finanziariamente, in termini di tempo e nel numero di persone che puoi assegnare alla migrazione per assicurarti che vada come rapidamente e nel modo più fluido possibile. Infine, poiché la migrazione può richiedere molte risorse, in genere è nel tuo interesse coinvolgere un aiuto esterno o almeno consultare professionisti che hanno affrontato il processo più volte.

Processo di migrazione del sito

Per eseguire con successo una migrazione del sito, è necessario adottare misure per preparare e mappare l’intero processo. In primo luogo, è necessario stabilire obiettivi e motivi chiari per cui si desidera eseguire la migrazione e considerare i rischi, nonché i potenziali vantaggi derivanti dall’effettuare la migrazione.

Quindi, dovresti tracciare un piano d’azione in cui capire il modo migliore per eseguire la migrazione e layout di tutte le attività che dovranno essere completate prima, durante e dopo la migrazione. In questo modo, quando esegui il lancio effettivo, avrai una migliore comprensione dell’intero processo e sarai in grado di apportare modifiche tempestive se necessario.

Elenco di controllo delle best practice per la migrazione del sito

Abbiamo esaminato tutti gli aspetti principali che devono far parte di una migrazione di un sito Web di successo che avvenga senza intoppi e non causi un calo significativo del traffico o la perdita delle classifiche di Google. Ricapitoliamo ora con un rapido elenco di controllo che delinea l’intero processo.

  • Determinare gli obiettivi della migrazione e definire una strategia
  • Identificare i rischi maggiori, nonché i potenziali vantaggi
  • Tracciare l’intero processo: chi è responsabile di cosa?
  • Rivedi l’intero sito e il profilo di backlink
  • Mappa le modifiche all’URL: se le pagine si spostano, dove stanno andando?
  • Assicurati che tutti i reindirizzamenti funzionino
  • Effettua il benchmark delle tue analisi in Google Analytics e Google Search Console
  • Esegui il piano di migrazione
  • Esamina le prestazioni del sito, soprattutto la velocità del sito!
  • Controlla frequentemente il posizionamento nei motori di ricerca
  • Monitorare il traffico

Seguendo questo processo, dovresti essere in grado di evitare di perdere aspetti cruciali della migrazione e ridurre al minimo l’impatto che potrebbe avere sulle tue classifiche. Se vuoi assicurarti che la migrazione del tuo sito web vada bene e ridurre al minimo i danni al posizionamento delle parole chiave e al traffico, puoi sempre consultare professionisti che hanno eseguito diverse migrazioni del sito in precedenza.

Ottobix può aiutarti a migrare il tuo sito in modo sicuro ed efficace, quindi se hai domande o hai bisogno di indicazioni su come procedere, invia un’e-mail a business@ottobix.com e ci assicureremo che la migrazione del tuo sito raggiunga gli obiettivi che ti sei prefissato.