Skip to main content

Posizionamento Google: come gestire le fluttuazioni

Ti è mai successo di voler ottenere troppo in fretta risultati eccellenti dal tuo posizionamento Google?

Pubblichi un nuovo contenuto e aspetti, con il fiato sospeso, che si posizioni nelle pagine dei risultati di ricerca di Google (SERP). Allora, ecco! Risale le classifiche dalla parte inferiore della decima pagina alla prima.

Il giorno dopo, invece, ritrovi lo stesso contenuto in settima, ottava pagina. Ti disperi, non capisci perché, ma… il giorno dopo sei di nuovo in prima pagina.

Cosa sta succedendo?!

Si tratta della cosiddetta “Google Dance”, la misteriosa volatilità del posizionamento sui motori di ricerca che accade quando le pagine web sono soggette a rapidi cambiamenti di ranking di Google, senza una ragione apparente.

Queste fluttuazioni di ricerca possono sembrare casuali, ma state tranquilli, c’è una ragione a tutto.

Google Dance, cos’è?

Il ballo di Google o Google Dance, chiamato ironicamente così, si riferisce ai rapidi cambiamenti nella SERP che una pagina web nuova o aggiornata sperimenta mentre Google tenta di capire la sua posizione ideale data una determinata query.

In sostanza, poco dopo che Google indicizza una pagina, la testa per determinarne il ranking. Quando la tua pagina arriva parte superiore dei risultati di ricerca, Google misura il modo in cui gli utenti interagiscono con essa.

Se l’algoritmo registra un elevato coinvolgimento attraverso i clic (CTR) e il tempo trascorso dagli utenti (durata della sessione media) a consumare i tuoi contenuti, Google ne terrà conto ai fini dell’elaborazione della SERP “finale” date determinate query di ricerca.

Google cambia il ranking della tua pagina (senza che ciò influisca su altri fattori di ranking), per vedere cosa succede, e quindi “osserva” il comportamento degli utenti on-page.

 

Fluttuazioni su Google: perché accadono?

Dopo aver applicato un certo ranking iniziale, Google semplicemente testerà la tua pagina per verificarne l’engagement da parte degli utenti, muovendola nelle prime posizioni.

Se il responso degli utenti è positivo, ovvero essi interagiscono con essa il più a lungo possibile, è verosimile che tale pagina rimarrà nelle prime posizioni.

In altre parole, indipendentemente dalle modifiche SEO a una pagina, l’algoritmo di Google applica un fattore di ranking casuale per creare un periodo di transizione della fluttuazione della SERP prima che una pagina si stabilizzi nella sua nuova posizione.

 

Perché l’algoritmo di Google crea di proposito fluttuazioni di ricerca?

Queste rapide modifiche ai risultati di ricerca sono piuttosto ingegnose. Il fattore di classificazione casuale è progettato per evitare gli espedienti e le tattiche disoneste della black hat SEO. Il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti nelle SERP fornisce un feedback in tempo reale sulla sua qualità, che Google prende in considerazione quando assegna il ranking alle singole pagine.

 

Risultati di ricerca fluttuanti

Anche se può farti venire un’ulcera vedere le tue posizioni ballare furiosamente su Google tra i risultati di ricerca, la cosa migliore da fare è abbracciare l’incertezza e decidere di superarla.

Come mai?

Perché hai creato contenuti che forniscono valore agli utenti che effettuano ricerche e l’algoritmo di Google è stato creato per premiare i tuoi sforzi.

Sei impegnato in tattiche SEO poco oneste? Bene, allora forse dovresti essere preoccupato perché, con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, non ci vorrà molto affinché Google valuti che i tuoi contenuti siano scarsi, spammosi o comunque privi di valore, derankandoli di conseguenza.

 

Come sfruttare al meglio le modifiche alla SERP di Google

La cosa migliore che puoi fare in risposta ai risultati di ricerca fluttuanti è ricontrollare che il tuo sito web sia in ordine.

  • Escludere eventuali problemi tecnici che potrebbero influire sulla visibilità della ricerca.
  • Controlla il volume e la qualità del tuo backlink.
  • Fai ricerche sulla concorrenza: hanno usurpato la tua posizione con contenuti che sono legittimamente migliori dei tuoi?

 

Domande frequenti sulle fluttuazioni della classifica

Quanto spesso accade il ballo di Google?

In passato, Google implementava una serie di modifiche dell’algoritmo circa una volta al mese, che scuotevano le SERP per i successivi 3-5 giorni. Relativamente al posizionamento Google, l’algoritmo di ricerca aggiorna e analizza costantemente i contenuti web, quindi le fluttuazioni sono meno drammatiche di una volta, ma si verificano più frequentemente.

Ogni volta che modifichi in modo significativo il contenuto di una pagina o aggiungi nuove pagine al tuo sito web, dovresti prevedere una certa volatilità del ranking.

 

Posizionamento Google: fattori che determinano le fluttuazioni

La nostra esperienza ci ha insegnato che la volatilità della ricerca può essere amplificata da una serie di fattori quali:

1. Età
I siti e le pagine più recenti tendono a vedere più fluttuazioni poiché Google valuta il posto migliore per classificarli nelle SERP.
concorrenza. Se il settore, la località o le parole chiave scelte sono particolarmente competitive, probabilmente vedrai più cambiamenti di classifica rispetto a situazioni in cui un minor numero di siti è in lizza per la posizione nella prima pagina.

2. Costruendo backlinks
Un cambiamento nel volume o nella qualità del backlink può spingere l’algoritmo di Google a rivalutare l’autorità del tuo sito spostandolo su e giù di posizione.

 

3. Aggiornamenti della pagina e del sito
Apportare modifiche significative a una singola pagina o al tuo sito nel suo insieme probabilmente spingerà Google a dare una seconda occhiata ai tuoi contenuti per rivalutare il loro valore per gli utenti.

 

Perché il mio posizionamento su Google continua a cambiare?

Per una discussione più approfondita su tutti i fattori che potrebbero influire sul tuo posizionamento Google, leggi da cosa può dipendere il tuo calo di posizioni SEO.

 

Con che frequenza Google cambia il suo algoritmo?

Google apporta giornalmente piccole modifiche al suo algoritmo. Potrebbe anche rilasciare diversi aggiornamenti in un giorno. Questi micro-aggiustamenti tendono ad essere piccoli e di solito non influiscono sul ranking delle pagine esistenti.

 

Posizionamento Google: conclusioni

Come menzionato precedentemente, se sei impegnato nell’ottimizzare il tuo posizionamento Google con pratiche SEO solide e oneste, la danza di Google, sebbene fastidiosa, non è nulla di cui preoccuparsi. Sì, aggiornare periodicamente le pagine del tuo sito o aggiungere nuovi contenuti SEO è una parte essenziale dell’ottimizzazione SEO, ma non lasciare che i cambiamenti quotidiani della SERP ti spaventino.

Una volta stabilito che non ci sono problemi tecnici che causano il calo, opta per una strategia SEO di lungo periodo. Le tendenze al ribasso sono meglio affrontate con correzioni strategiche. Reagire troppo rapidamente ai micro-dips può distrarti dai tuoi obiettivi SEO a lungo termine.

Avere un’agenzia SEO su cui puoi contare aiuta ad alleviare l’incertezza delle fluttuazioni di ricerca. In Ottobix, eliminiamo il mistero dalla SEO con metodi comprovati che ti aiuteranno a cavalcare le onde anomale generate dagli aggiornamenti degli algoritmi dei motori di ricerca.

Contatta oggi stesso per parlare con un consulente SEO di come possiamo garantire la tua visibilità online a prova di futuro.