Skip to main content

Search Intent SEO: cos’è e come sfruttarlo

Il search intent è un concetto SEO apparentemente semplice che può potenziare i tuoi sforzi SEO, se riesci a sfruttarlo nel modo giusto. Se la ricerca per parole chiave risponde alle domande dei tuoi potenziali clienti, il search intent risponde alla domanda relativa al “perché” lo stanno cercando

L’idea del search intent SEO può essere risolta in una sola parola: perché?

“Perché” è la domanda più importante che puoi ti puoi chiedere prima di creare contenuti SEO per il tuo sito web, non solo perché stai creando il contenuto, ma perché il tuo cliente ne ha bisogno, perché è prezioso e perché qualcuno lo sta cercando.

Comprendere le risposte a queste domande pone i tuoi contenuti dinanzi alle persone che ne hanno più bisogno. Essere chiari sul motivo per cui qualcuno sta cercando la tua soluzione differenzia i contenuti estremamente utili, super ottimizzati e con alto tasso di conversione, dagli articoli che racchiudono un banale “keyword stuffing” e che non sono realmente utili agli utenti.

Il search intent potrebbe essere una delle tattiche più sottovalutate nel kit di strumenti SEO. Ciò significa che se stai utilizzando l’intento di ricerca e i tuoi concorrenti no, hai un vantaggio competitivo.

Cos’è il search intent

L’intento di ricerca ti offre informazioni sul motivo che giace dietro una query di ricerca. In altre parole, perché la persona ha condotto questa ricerca? Sono alla ricerca di prodotti e vogliono leggere le recensioni? Sono pronti a fare un acquisto? Vogliono imparare a fare qualcosa? Oppure stanno cercando di trovare un particolare sito web?

Perché il search intent è importante per la SEO?

La missione di Google è “organizzare le informazioni del mondo e renderle universalmente accessibili e utili“.

In breve, la ragione d’essere di Google è fornire agli utenti i risultati di ricerca più pertinenti per la loro query.

Se desideri posizionarti su Google, devi creare contenuti altamente pertinenti per una query specifica. È un dato di fatto, l’intento di ricerca è così importante per Google che ha dedicato il 17% delle linee guida per la valutazione della qualità della ricerca alla comprensione dell’intento dell’utente. Sono 13 pagine di un documento di 175 pagine.

Google arriva persino ad affermare che l’intento sta ridefinendo il funnel di marketing sottolineando che le persone non seguono più un percorso lineare dalla consapevolezza alla considerazione fino all’acquisto. Invece, la loro attenzione si espande e si contrae in momenti unici e imprevedibili.

Ogni volta che qualcuno si rivolge al proprio dispositivo per una risposta immediata, sta esprimendo l’intenzione e ridefinendo la canalizzazione di marketing tradizionale lungo il suo percorso di conversione.

Quali tipi di Search Intent SEO ci sono?

È probabile che tu abbia già svolto una ricerca per parole chiave per stabilire una solida base di parole chiave fondamentali che sono importanti per la tua attività. Comprendere l’intento di ricerca è il passaggio successivo per estendere le parole chiave principali in temi che si allineano con categorie specifiche di scopi di ricerca.

Il tuo contenuto specifico per intenzione invierà un segnale più forte a Google sul concetto e sullo scopo di quella pagina. Questo, a sua volta, aiuta Google ad abbinare ciò che offri con ciò che cercano specifici utenti.

Diamo uno sguardo più da vicino ai quattro tipi di search intent

1 – Informativo: il ricercatore sta cercando informazioni. Potrebbe essere necessario rispondere a una semplice domanda, come “Quanti granelli di sabbia ci sono in tutte le spiagge del mondo?” Oppure, potrebbero cercare una spiegazione più dettagliata a una domanda come “Come chiedere un aumento?” Sebbene sia utile pensare alle query di ricerca informative come domande, non sono sempre formulate come tali. Altri esempi includono: “Indicazioni stradali per Roma Termini“.

2 – Navigazione: qualcuno sa già dove vuole andare, ma forse non è sicuro dell’URL esatto, o pensa che sia più veloce e più facile fare in modo che Google restituisca il collegamento piuttosto che digitare l’URL nella barra degli indirizzi. Alcuni esempi: “Mediaworld” “Zara” “Gucci” “Givenchy”.

3 – Transazionale: Il ricercatore vuole acquistare qualcosa. Sanno cosa vogliono acquistare e stanno cercando il posto migliore da cui acquistarlo. Esempi di query transazionali: “smart desk al miglior prezzo” “comprare iphone” “sconto cuffie telefono” “auricolari bluetooth economici

4 – Indagine commerciale: Questo ricercatore è nella fase di ricerca prima di prendere una decisione finale sull’acquisto. Stanno ancora valutando le loro opzioni e stanno cercando recensioni, riepiloghi e confronti per guidarli nella giusta direzione. Alcuni esempi di ricerche di indagini commerciali: “la migliore sedia da scrivania” “Zara vs H&M“, “Migliore ristorante Milano”. L’ultimo esempio è una ricerca locale. È comune che le ricerche locali abbiano intenti di indagine commerciale, come “caffè vicino a me” o “agente immobiliare Roma”. Ora che hai una conoscenza approfondita dei tipi di intenzione di ricerca, vediamo come interpretare l’intento.

Come interpretare il search intent.

Molte volte, la formulazione di una query indica l’intenzione alla base di essa, il che può aiutarci a esaminarli in modo aggregato. Ad esempio, l’intento di qualcuno che su Google “comprare iPhone” è chiaramente quello di acquistare un iPhone (una query transazionale).

Qualcuno che cerca “come preparare un lievito madre” sta ovviamente cercando istruzioni su come fare qualcosa (una domanda informativa).

Trovare Search Intent SEO

Un modo semplice e veloce per applicare i principi dell’intento di ricerca per vedere cosa cercano le persone è sfruttare la funzione di completamento automatico di Google.

Quando esegui una query su Google, la pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP) conterrà risultati organici, risultati a pagamento e funzionalità SERP.

Alcune funzionalità SERP includono:

  • inserzioni pubblicitarie
  • domande
  • domande correlate
  • risultati video

Il Search Intent SEO non è sempre preciso.

Sebbene le tecniche che abbiamo delineato qui siano modi utili per comprendere l’intento di ricerca, dovrai applicare le tue conoscenze per ordinare le parole chiave con intenti di ricerca misti. L’intento di ricerca misto è più comune nei risultati per le ricerche di brand. Ad esempio, se utilizzi Google per cercare “iPhone“, probabilmente vedrai risultati di ricerca che contengono intenti di indagine transazionale, informativa, di navigazione e commerciale perché gli utenti che utilizzano quella query potrebbero cercare recensioni, informazioni storiche, un luogo in cui acquistare o il sito Web di Apple.

Crea un tipo di contenuto per scopi informativi e un tipo di contenuto per scopi transazionali.

La comprensione dell’intento di ricerca determinerà il tipo di contenuto che crei. Se la parola chiave ha intento informativo, scriverai un post sul blog. Se ha intenti transazionali, creerai una pagina del prodotto.

Facile vero? Beh si.
E no.

Cercare di applicare solo quattro categorie di intenti di ricerca a miliardi di pagine web rende dolorosamente ovvio che queste categorie sono troppo ampie per essere applicate a qualsiasi situazione particolare.

Quindi, dobbiamo approfondire un po ‘per guardare più da vicino le SERP.

Ecco come:

1 – :Know your story: quando si esegue una ricerca per parole chiave, si osserva un’istantanea discreta nel tempo. Dovrai esaminare la cronologia della tua parola chiave per capire se e in che modo fattori stagionali, sociali o di mercato potrebbero influenzare il numero di ricerche su quella parola chiave in un dato momento. Ad esempio, la ricerca di “disinfettante per le mani” avrebbe molto probabilmente avuto un intento transazionale prima di marzo 2020. Tra marzo e luglio 2020, probabilmente vedresti persone che eseguono la stessa ricerca perché non riuscivano a trovare disinfettante per le mani nel negozio e volevano farlo sapere come farlo (informativo).

2 – Abbina i tuoi contenuti all’intento di ricerca: dopo aver verificato che la tua parola chiave ha un chiaro intento di ricerca, vuoi analizzare le SERP per quella parola chiave per determinare queste due cose:

1 – Il giusto tipo di contenuto da creare.

2 – Il formato giusto per presentare i tuoi contenuti.

Guarda i risultati della ricerca per una parola chiave e vedi quale tipo di contenuto viene restituito.

Cosa vedi? post di blog pagine di prodotto pagine di categoria pagine di destinazione I tipi di contenuto nella prima pagina delle SERP sono più rilevanti per l’intento di ricerca a cui ti stai rivolgendo (Google li classifica più in alto per la loro pertinenza con la query). Segui l’esempio dei risultati di alto livello e scegli il tipo di contenuto in base a ciò che vedi qui.

Allo stesso modo, chiediti quale formato Google ritiene più pertinente all’intento di ricerca della tua parola chiave.
La creazione di contenuti SEO comporta alcuni tentativi ed errori. Crei contenuti e guardi come si comportano, ti aggiusti per la prossima volta e poi vedi come si comportano.

Trarre ispirazione da contenuti di alto livello è un modo per aggirare tentativi ed errori che richiedono molto tempo. Il contenuto che trovi nei primi dieci risultati di ricerca per la parola chiave che desideri classificare sta probabilmente facendo qualcosa di giusto.

Fai clic su pagine di alto livello e impara da esse. Ci sono grafici e grafici? Molti link a contenuti correlati? Una struttura chiara con informazioni facili da trovare? Video incorporati? Infografiche?

Il tuo compito è identificare cosa funziona nei contenuti di alto rango e applicare questi principi ai tuoi contenuti originali.

Il concetto di intento di ricerca non si applica solo alla creazione di nuovi contenuti. L’ottimizzazione dell’intento è un ottimo modo per far rivivere i contenuti meno recenti che non sono stati posizionati bene. Immergiti nelle tue pagine meno recenti e scopri come potresti migliorarle valutando quanto si allineano con l’intento specifico dell’utente.

Conclusioni

Sfruttare l’intento di ricerca ti allinea con la missione di Google e aiutare Google ad aiutare gli utenti è una vittoria.
Progetta intenzionalmente i tuoi contenuti in modo che combacino con l’intento di ricerca.
Capire cosa stanno cercando gli utenti e perché ti aiuterà a incontrarli esattamente dove si trovano con ciò di cui hanno bisogno e nel formato più utile.

Hai bisogno di aiuto con la strategia e le tattiche SEO? Siamo qui per voi.

8B