Skip to main content

Dofollow e Nofollow links: cosa sono e come differiscono

La maggior parte dei marketers ha bene a mente l’importanza di costruire una solida rete di backlink che funzioni in tandem con la creazione di contenuti di alta qualità, al fine di generare quanto più possibile traffico organico. Ad ogni modo, c’è un po’ di confusione sulla differenza tra link follow e no follow sul perché i link dofollow siano importanti. Per aumentare la confusione, Google ha fatto alcuni annunci negli ultimi anni che sembrano offuscare le linee di distinzione tra questi due diversi tipi di collegamenti. Diamo un’occhiata più da vicino ai link no follow rispetto ai link dofollow e come usarli intenzionalmente nella tua strategia SEO complessiva.

Ecco cosa devi sapere su ogni tipologia di link.

 

Backlink: cosa sono?

Prima di approfondire cosa sono i link dofollow e nofollow, iniziamo con una panoramica di cosa sono i backlink e di come si inseriscono nella tua strategia SEO.

I link che puntano al tuo sito web da siti affidabili con contenuti rilevanti per la tua attività possono aumentare la tua posizione nelle classifiche di ricerca. In poche parole, un backlink funziona come una sorta di approvazione della qualità dei tuoi contenuti. Quando un altro sito web si collega al tuo, indica a Google che il tuo sito è una fonte credibile di informazioni relativamente alla tua nicchia di mercato. Più backlink rilevanti hai, maggiore è la tua autorità topica e più fiducia ha Google nella qualità delle informazioni che stai condividendo.

Tuttavia, non è tutto oro ciò che luccica. Se stai accumulando backlink da siti Web poco affidabili che offrono un valore discutibile ai lettori, ciò può danneggiare le tue classifiche.

 

Che cos’è un link DoFollow?

A rigor di logica, non esiste un collegamento “dofollow”, sebbene il termine sia comunemente usato per riferirsi a un collegamento a cui non è stato attribuito un attributo di relazione “nofollow”.

Di default, gli algoritmi di Google seguono ogni link che trovano nel loro percorso, tranne quelli che presentano l’attributo “rel=nofollow”. Alcuni proprietari di siti utilizzeranno “rel=dofollow” per indicare a Google che dovrebbe seguire un collegamento, il che non è tecnicamente sbagliato, ma non avendo alcun attributo rel (come nell’esempio n. 2 sopra) si otterrà lo stesso risultato.

I link Dofollow sono importanti perché trasferiscono la cosiddetta link equity al sito web verso cui puntano.

Più affidabili sono i link che seguono alle tue pagine, più autorità Google attribuirà al contenuto in questione. Quando guadagni link dofollow da siti Web affidabili e semanticamente contigui con la tua attività, avranno un impatto favorevole sulle tue SERPs, il che può tradursi in una maggiore esposizione per le tue parole chiave principali.

 

Che cos’è un collegamento NoFollow?

L’attributo nofollow essenzialmente è un’istruzione che i webmaster inseriscono all’interno di un link, con lo scopo di indicare a Google di non seguire tale link. Secondo la comunità SEO, i link nofollow non trasmetterebbero la link equity. Poiché in questo caso non c’è alcun trasferimento di equità, i link nofollow non hanno alcun impatto diretto sui ranking di ricerca.

 

SEO e nofollow links

Se i link nofollow non hanno un impatto diretto sui segnali di ranking, sono del tutto privi di valore per la SEO?

Affatto.

Sebbene i link dofollow abbiano maggiori probabilità di migliorare il tuo ranking di ricerca organica, i link nofollow hanno valore in questi tre modi:

  • I link Nofollow indirizzano il traffico al tuo sito web. Se guadagni un link no follow da un sito rilevante e rispettabile, le persone che scelgono di fare clic su quel link arrivano comunque su una delle tue pagine, interessate ai contenuti che offri. Il traffico di riferimento può indirizzare lead altamente qualificati al tuo sito Web, indipendentemente dal fatto che provengano da backlink dofollow o nofollow.
  • I link Nofollow possono portare a link Dofollow residui. Se uno scrittore di contenuti si imbatte in un link nofollow al tuo sito durante la sua ricerca, è probabile che lo raccolga e lo aggiunga come link dofollow dal suo contenuto.
  • Google potrebbe effettivamente prestare attenzione ai link nofollow.

Anche se potresti non includere link nofollow nella tua strategia di link building, tieni a mente che hanno comunque valore. Un collegamento nofollow è meglio di nessun collegamento.

 

Backlink: meglio la qualità della quantità

Prima che Google introducesse link dofollow nel 2005, il numero di backlink che puntavano sul tuo sito web contava molto di più della loro qualità. Questo scenario ha portato ad abusi eclatanti nell’ambito del mondo della linkbuilding. Sono stati utilizzati bot e motori di spam per aggirare gli algoritmi di Google e spingere artificialmente i loro contenuti in cima alle classifiche di ricerca.

Come per molte delle sue innovazioni, l’introduzione da parte di Google dell’attributo nofollow link aveva lo scopo di cortocircuitare le attività di creazione di link di spam. Di conseguenza, i link dofollow da siti Web di alta qualità sono diventati molto più preziosi.

 

Conclusione

Per guadagnare backlink di alta qualità, hai bisogno di contenuti di alta qualità e ottimizzati per la ricerca che le persone possano trovare e a cui altri siti web vogliono essere associati. Per saperne di più su come ottimi contenuti e backlink di alta qualità lavorano di pari passo per far crescere la tua impronta organica, contatta un nostro consulente SEO.