Skip to main content

Traffico diretto Google Analytics: cos’è e perché evitarlo

A prima vista, il traffico diretto sembra essere composto da persone che sanno esattamente dove vogliono andare, come gli utenti che digitano il tuo URL direttamente nel browser o aggiungono il tuo sito ai preferiti.

Sì, Google Analytics classifica le sessioni che provengono da tali sorgenti come traffico diretto, ma non è l’unico traffico che viene segnalato a quel canale.

Tuttavia, quando Google Analytics non dispone di dati sufficienti su come un visitatore è arrivato al tuo sito per classificare la sessione in altro modo, lo assegna al traffico diretto.

Questa attribuzione errata al traffico diretto è l’opzione di ripiego di GA quando non sa come segnalare una sessione in altro modo. Forse un nome più descrittivo per questo canale sarebbe “traffico sconosciuto”.

La “scatola nera” del traffico diretto oscura informazioni preziose sui canali da cui provengono alcuni visitatori del sito Web, inoltre diluisce i dati dei visitatori che effettivamente arrivano direttamente al tuo sito. Quindi, è indispensabile capire come funziona il traffico diretto e ripulire il più possibile il traffico assegnato erroneamente.

 

Cosa ha a che fare il traffico diretto con la SEO?

Alcuni esperti di marketing potrebbero ignorare le metriche del canale di traffico diretto in quanto poco utili nel contesto dell’ottimizzazione della ricerca. Sebbene questi numeri non abbiano alcuna influenza diretta sulla tua campagna SEO, è utile capire cosa causa la categorizzazione errata di altri tipi di traffico in questo canale e ripulire ciò che puoi in modo che il resto delle tue metriche di traffico rifletta accuratamente i tuoi sforzi di ottimizzazione.

Diamo un’occhiata ad alcune delle potenziali cause del traffico diretto e cosa puoi fare per ridurre al minimo l’attribuzione errata nelle sorgenti di traffico.

 

Cosa misura il traffico diretto?

Che cos’è esattamente il traffico diretto? In un mondo perfetto, si potrebbe dire che il traffico diretto misura le visite dei tuoi clienti più fedeli. Solo per questo motivo, penso che sia utile approfondire il traffico diretto e adottare misure per ridurre la quantità di traffico proveniente da fonti sconosciute che arriva in questo canale. Una volta isolate le sessioni dei tuoi utenti più affezionati, puoi ricavare alcune preziose informazioni da quei dati. Guardare più da vicino il loro coinvolgimento sul tuo sito ti aiuta a elaborare strategie per soddisfare le loro esigenze attraverso contenuti ottimizzati per la ricerca e aumentare il loro lifetime value complessivo come clienti.

Cosa causa il traffico diretto?

1 – Inserimento manuale dell’indirizzo e bookmarking

Questa è la definizione più classica di traffico diretto. Quando qualcuno digita il tuo URL direttamente nella barra degli indirizzi del browser o utilizza un segnalibro che aveva precedentemente salvato, intende accedere direttamente al tuo sito.

 

2 – Codice di monitoraggio rotto o mancante

Accade in più di un’occasione quando viene lanciata una nuova pagina di destinazione senza il codice di monitoraggio GA. Se gli utenti arrivano a una pagina senza codice di monitoraggio e poi fanno clic su un’altra pagina, GA registra quella sessione come traffico diretto.

3 – Traffico da codici di monitoraggio non funzionanti

Una bandiera rossa per i codici di monitoraggio non funzionanti è se una nuova pagina di destinazione non riesce a registrarsi in altri canali di traffico nello stesso momento in cui si vede un aumento del traffico diretto.

Puoi risolvere questo problema aggiungendo il codice mancante alla pagina o, meglio ancora, prendi provvedimenti per evitare che questo genere di cose si ripeta passando a un’implementazione di monitoraggio basata su GTM.

 

4 – Reindirizzamento improprio

I reindirizzamenti Javascript possono cancellare o sostituire i dati di riferimento che portano all’attribuzione errata delle sessioni al canale di traffico diretto. Allo stesso modo, una complessa catena di reindirizzamenti lato server può eliminare i parametri UTM e inviare sessioni al traffico diretto.

La correzione? Non utilizzare meta refresh o reindirizzamenti JS. Opta per i reindirizzamenti lato server, ma controlla regolarmente il tuo file di reindirizzamento per evitare un complesso sistema di reindirizzamenti (che può anche consumare il tuo budget di scansione).

 

4 – Collegamenti da documenti non Web

I collegamenti da PDF, diapositive o documenti di Word non trasmettono le informazioni di riferimento. Pertanto, per impostazione predefinita, le sessioni che hanno origine da questi collegamenti verranno visualizzate come traffico diretto.

Un modo per evitare ciò è includere i parametri della campagna UTM nei collegamenti ipertestuali incorporati.

 

5 – Social “oscuro”

Spaventoso, vero? Non preoccuparti, non c’è nulla di nebuloso nei social oscuri. Il termine si riferisce ai metodi di condivisione social che Google non può facilmente attribuire a una particolare fonte, come e-mail, messaggistica istantanea, Skype, WhatsApp e Facebook Messenger. Ciò che rende “oscure” queste fonti di traffico è la loro natura privata. Sebbene non sia facilmente sfruttabile per le campagne di marketing tradizionali, queste piattaforme hanno un enorme potenziale per sfruttare il potere del passaparola.

L’unico modo per attribuire correttamente parte del traffico da dark social e tenerlo fuori dal canale diretto è utilizzare un rigoroso monitoraggio della campagne. Un ottimo primo passo è aggiungere queste piattaforme ai pulsanti di condivisione social e aggiungere i parametri UTM agli URL.

 

6 – Fare clic da una pagina sicura

Quando un utente fa clic su un collegamento su una pagina protetta (HTTPS) che lo porta a una pagina non protetta (HTTP), i dati di riferimento non vengono trasmessi, quindi la sessione viene attribuita al traffico diretto. Questo è esattamente il modo in cui è progettato per comportarsi il protocollo sicuro.

Comprendere questo può fornire un contesto se, ad esempio, il traffico dei referral subisce un brusco calo e il traffico diretto aumenta. Non è necessariamente uno scarso riflesso degli sforzi di backlinking. È più probabile che uno dei tuoi maggiori referrer sia migrato da HTTP a HTTPS, rendendo impossibile tracciare il traffico dal loro sito.

Se dovessi vedere qualcosa come il forte calo del traffico di riferimento di seguito, la prima cosa che potresti voler fare è controllare le tue metriche sul traffico diretto per vedere se c’è una pendenza reciproca in quel canale di traffico. Traffico diretto da https

 

Come ridurre il traffico diretto da HTTPS

Lo scenario che ho descritto sopra si verifica solo se il tuo sito non è sicuro. Se il tuo sito web utilizza il protocollo HTTPS, le informazioni sul traffico di riferimento non verranno eliminate dalle metriche di sessione.

Ha senso se ti fermi a pensarci. Un sito sicuro è considerato un luogo sicuro per condividere informazioni. Se non sei già su HTTPS, la migrazione ad esso non solo risolverebbe questo problema, ma probabilmente aumenterebbe la visibilità della tua ricerca in generale poiché Google dà la preferenza al posizionamento dei siti Web protetti.

I vantaggi della riduzione del traffico diretto

Una volta che hai fatto tutto il possibile per assicurarti che Google Analytics identifichi correttamente da dove proviene il tuo traffico, puoi essere certo che i numeri riportati negli altri tuoi canali di traffico sono più accurati.

L’attribuzione corretta è l’unico modo per misurare accuratamente il ROI.

Un ulteriore vantaggio della pulizia del traffico diretto è che puoi riporre maggiore fiducia in ciò che impari dalle sessioni che provengono veramente da fonti dirette. Come ho detto prima, i dati sul traffico diretto non diluiti possono dirti molto sui tuoi clienti più fedeli, sulle loro abitudini di navigazione e sui loro modelli di acquisto.

Dal punto di vista SEO, meglio capisci chi sta visitando il tuo sito e perché, più facile è indirizzare le parole chiave a quei gruppi di utenti e creare contenuti SEO che attireranno clienti simili.

Parole finali

C’è un valore innegabile nell’essere in grado di analizzare al meglio il traffico del tuo sito web. Comprendere le sfumature dei dati che la maggior parte dei marketer trascura ti darà un vantaggio competitivo a lungo termine.

In Ottobix, lavoriamo con i nostri clienti per creare campagne personalizzate dai nostri servizi SEO per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi aziendali unici. Monitoriamo continuamente l’analisi del traffico per i loro siti. In questo modo, possiamo individuare anomalie che potrebbero indicare sviste tecniche che potrebbero influire sulla loro visibilità online.

Se stai cercando un partner che ti sostenga, contattaci per ulteriori informazioni su come possiamo aiutarti.